Alessandro Fantino

Prima

Piemontese e con una carriera live consolidata che lo ha portato su palchi prestigiosi come quelli di El Barrio, CAP10100 e Hiroshima Mon Amour, Fantino è protagonista di diverse esperienze artistiche e collaborazioni con altri musicisti sin dall’adolescenza, per poi dedicarsi all’attività da solista.

Sin da giovane studia teoria musicale e canto coltivando la grande passione per la musica. Svolge alcune attività sporadiche negli anni Novanta, per poi sospenderle.

Alcuni anni fa riprende lo studio del canto seguendo l'impostazione del vocal coach Roger Love. Nel 2014 si unisce come cantante a una cover band, nel frattempo inizia a scrivere canzoni in inglese, per dar voce, attraverso una dimensione artistica, ad idee, storie ed emozioni maturate nel corso degli anni.

Porta le sue canzoni su palchi prestigiosi di Torino, come quello di El Barrio, CAP10100 e Hiroshima Mon Amour (finale di Emergenza), oltre a contesti di vario tipo: dalla piazza al teatro, fino ad arrivare al locale di media e piccola grandezza.

2018

Nel 2018 inizia a sperimentare componendo alcuni brani che saranno inseriti nel progetto chiamato Tree Of Hopes, un EP che getta le basi per un nuovo progetto di cantautorato pop/folk in inglese, attraverso cinque brani che passano dal pop vero e proprio, con alcune timide sfumature jazz, rock e gospel.

Intanto lavora a un nuovo album dal titolo There’s A Way, che include brani che vengono già proposti nei suoi concerti. Dopo precedenti progetti musicali di coveristica e musica d’autore, inizia ad esibirsi nel Nord Italia.

2019

There’s A Way “There’s a way” è il nuovo album di Alessandro Fantino, un metaforico viaggio autobiografico con ambientazioni Pop contaminati da Folk, New Age e Rock, generi che influenzano il percorso artistico del cantautore e la pubblicazione odierna, nel giorno del suo compleanno, per la label bolognese Vivamusic.

La nuova verve, a partire dalla scelta del bilinguismo, si manifesta nei 12 brani dai testi riflessivi sulla vita quotidiana, in cui spicca la semplicità armonica e melodica delle musiche, accompagnata da riff orecchiabili e che tracciano un solco sulla “strada” scelta dall’autore, quella stessa strada segnata, brano dopo brano, dalla title-track già in programmazione radiofonica.

2020

La Stampa - 10 marzo 2020

Articolo comparso sulla pagina Società, Cultura & Spettacoli di Asti

La Stampa Asti 10 Marzo 2020_pag48.pdf

Funny People è il nuovo singolo di Alessandro Fantino, che partecipa alle selezioi del festival Voci per la Libertà di Amnesty International.

Il brano è un accorato grido in chiave rock, nei confronti dei potenti della Terra, affinchè scelgano la pace, non la guerra, quale punto di principio per il contatto e la collaborazione fra i popoli. Per migliorare il mondo in cui viviamo, non investendo così tanto in armi, ma destinando più fondi per chi soffre la fame, contro le malattie e per curare il nostro ambiente, sempre più malato di inquinamento.

Nel marzo 2020, quando esce questo brano, è già disponibile il video.

Si tratta di immagini futuristiche e significative. La macchina al servizio degli esseri umani, le reti, il web; ma è proprio così?

La tecnologia, creata dalll'uomo stesso può servire a fare il bene o il male per interi popoli. Accanto alla ricerca scientifica, scegliere se produrre armi, sferrare attacchi informatici o realizzare nuovi strumenti tecnologici per il bene dell'umanità? Ecco la scelta.

Quali risposte danno i potenti della terra a Greta Thumberg e alle nuove generazioni che, come lei, prendono coscienza della necessità di prendere decisioni per il bene comune, per il nostro futuro. Per il futuro dell'umanità stessa. Oggi più che mai gli eventi recenti ci mettono davanti a domande ineludibili.

Nel passato già Wells con La Guerra dei mondi e La macchina del tempo, insieme a Orwell con 1984 e a Asimov con i suoi innumerevoli romanzi fantascientifici, si ponevano queste domande. La macchina come salvatrice o distruttrice dell'uomo. Ma alla fine è sempre l'uomo che decide, ma è comunque succube della Natura che, prima o poi, riequlibrerà definitivamente i conti; o lo sta già facendo?

Funny People!

Strana gente, che decide pensando al male e non al bene... ma si può ancora cambiare!